placeholder

Gli indici di valutazione del rischio di crisi aziendale

In sede di individuazione, gestione e monitoraggio del rischio di crisi aziendale, accanto al piano, o in sua sostituzione se assente, è raccomandato l’utilizzo dell’analisi degli indici di bilancio condotta su base tendenziale, relativi agli ultimi 3-4 esercizi.

L’indicatore di analisi prospettica è il DSCR a 1 anno (per coerenza con ISA Italia 570 e OIC 11): è , pertanto, necessario il budget e il piano di tesoreria a 1 anno.

In mancanza di dati previsionali attendibili, possono assumere rilevanza margini e indicatori sintetici:

  • il margine di struttura e gli indici di copertura delle immobilizzazioni (continuità aziendale)
  • il rapporto tra PFN (o debiti finanziari) e MOL, ritenuto – anche dalle banche – accettabile per valori non superiori a 3;
  • il rapporto di indebitamento finanziario (debiti finanziari o PFN/patrimonio netto, valori accettabili non superiori a 3 affinchè i debiti finanziari siano sostenibili) e di indipendenza finanziaria (patrimonio netto/patrimonio netto + debiti finanziari, al netto dei crediti verso soci, valore accettabile non inferiore al 20%);
  • il rapporto tra MOL e oneri finanziari, ritenuto accettabile per valori almeno pari a 3;
  • l’eventuale scaduto, e soprattutto l’aggravamento dello stesso, nei confronti di dipendenti, fornitori, enti fiscali e previdenziali (vi potrebbe, infatti, essere scaduto “solo fisiologico” per stagionalità dei flussi di cassa in entrata);
  • il margine di tesoreria e indice di liquidità immediata (cassa e banche attive, crediti commerciali e debiti correnti);
  • il margine di disponibilità e indice di liquidità corrente (attività correnti e passività correnti;
  • il MOL e il reddito operativo;
  • gli indici reddituali (ROE, ROI, ROD e ROS);
  • la durata del ciclo monetario (tempi medi di incasso dei clienti e fornitori, e giorni di rotazione del magazzino);
  • la rotazione del capitale investito.

Gli indici devono essere valutati unitariamente, e possono essere affiancati da quelli individuati dal Quaderno 71 dell’ODCEC di Milano, riguardante l’adeguata verifica degli elementi segnaletici (c.d. early warning) e rating sulla probabilità di insolvenza.

Sono sufficienti pochi indici, ma efficaci (è meno fuorviante e agevola l’analisi).

Strumenti di valutazione come lo Z-Score potrebbero non intercettare tempestivamente il rischio di crisi, ma soltanto quello di insolvenza, essendo dotati di valenza “consuntiva” o retrospettica: può comunque essere utile per esaminare il trend.